Icona „Elia al torrente Cherit“

Perseverare nel deserto

 

Elia nel deserto - Cherit
Elia - nudo sotto la pelliccia
Icona greca, XVI secolo

 

Un paesaggio roccioso e aspro si erge fino a due vette ben oltre la parte superiore dell‘immagine verso il cielo. Deserto e avventura, tempo di pericolo e di prova.

Perfino il torrente Cherit è in fase di essiccazione. Nel burrone si apre la grande grotta, il cui nero minaccia pericoli e nello stesso tempo promette fuga e rifugio nel deserto.

Elia vince la prova sul Monte Carmelo, la sua offerta prende fuoco in base della sua preghiera al suo Dio. 350 sacerdoti di Baal sono stati giustiziati per questo. La regina Jezabeel, entusiasta di Baal, lo perseguita. Elia fugge nel deserto. Ed dubita ora probabilmente in sé, si agita, lacerato internamente dalla coscienza, che lo accusa "ho esagerato!".

La grotta sulle icone significa soprattutto pericolo, la depressione della vita umana, il senso di colpa e la morte – un’immagine archetipica del mondo dei sogni. „Non voglio e non posso più.“ Eppure proprio la grotta è anche rifugio e protezione, per questo Elia prende posto davanti alla grotta tutto rilassato.

Si è seduto sulla terra, la mano sinistra scende elegante e facile sul ginocchio, l'altra si trova potente sulla guancia barbuta. L’atteggiamento e il volto del profeta irradiano calma, forza e dignità, ma anche energia e protesta. Scontroso egli guarda in alto verso le montagne, da dove un corvo gli porta pane. Con l'acqua del torrente Cherith (dipinto bluastro sulla sinistra del profeta), la speranza rimane per il futuro. Perseveranza nel deserto, pazienza, speranza e fiducia in Dio!

I contrasti nell'immagine sono grandi: in una situazione di rischio e di pericolo il profeta  indossa il suo prezioso vestito con la pelliccia ampiamente coperta sul retro del colletto, un simbolo di status molto alto.

Egli però deve sentirsi nudo sotto il cappotto di pelliccia! Senza la Parola di Dio lui sarebbe piú nulla, la sua parola non sarebbe più sentita, nudo e gelato sarebbe stato condannato, come i sacerdoti di Baal.

Il mantello significa vicinanza a Dio e alla missione profetica - nell'ascensione di Elia al cielo il profeta Eliseo lo chiederà per se stesso e per tutti i profeti discendenti attraverso i tempi. Così, l'icona rappresenta quello che ancora oggi sta accadendo.

Nel deserto succede un piccolo miracolo. Arbusti ed erbe cominciano a fiorire, arruffati dalla tempesta. La scena sembra quasi idilliaca, per fare coraggio e speranza. La perseveranza nel deserto e la fede assicurano protezione e l’assistenza di Dio. Così era allora, così è ancora oggi.

             

Perseverare nel deserto - meditazione

 

Il deserto - desolato e abbandonato, la solitudine e il pericolo, fame e sete, nel deserto tutto è insipido e orribile. Chi ha bisogno attraverso il deserto solo nella speranza di giungere al termine, l'obiettivo è l’oasi o la città sulla periferia. Il deserto è il luogo della tentazione - la vita diventa un deserto quando arriva la tentazione. Deserto è una parola totale come morte, ospedale o prigione.

Tempo di deserto – può diventare anche scoperta di sé stesso e nascita di grandi idee. Nel deserto tutto è tranquillo, non si è disturbato e si ha tempo. Soprattutto il grande silenzio - creativo come il sogno di notte. Tutti i grandi fondatori religiosi hanno purificato lo spirito nel deserto e sono stati illuminati lì per grandi idee e azioni. Abramo, Mosè, Gautama Buddha (+ 480 v. Chr.), Gesù stesso, l’apostolo Paolo per due anni interi, San Francesco i Ignatio di Loyola.... "Chiunque voglia annunciare grandi cose, in silenzio si prepari. Chiunque voglia accendere fulmini, deve essere a lungo nuvola "(Friedrich Nietzsche).


Ognuno di noi sperimenterà giorni di deserto! Alcuni cercano di fuggire in caos e rumore. Giorni di deserto - questo può essere un periodo di lutto, stare in attesa, l'ansia, l'età stessa, la solitudine, la disperazione. Coloro che perseverano in questi tempi, credono, sperano e maturano, diventano saggi e saranno consulenti di molte persone.

Esperienza deserto faccendo pausa, in preghiera e meditazione - e soprattutto in silenzio. L’icona "Elia nel deserto" può e deve essere profondamente impressa in noi. Ciò che viene dato a noi, non è solo il pane del corvo e il rigagnolo d’acqua nel torrente Cherit, ma la parola del Signore: «Àlzati, mangia, perché è troppo lungo per te il cammino». (1 Re 19,7).

 

deserto fiorisce
 I miracoli del deserto

 


Elia al torrente Cherit
 

A lui fu rivolta questa parola del Signore: «Vattene di qui, dirigiti verso oriente; nasconditi presso il torrente Cherìt, che è a oriente del Giordano. Berrai dal torrente e i corvi per mio comando ti porteranno da mangiare». 

Egli partì e fece secondo la parola del Signore; andò a stabilirsi accanto al torrente Cherìt, che è a oriente del Giordano. I corvi gli portavano pane e carne al mattino, e pane e carne alla sera; egli beveva dal torrente.

1 Re 17,2-6
 

 

Domande - meditazione:


Deserto - sulle mie vie, in casa mia? Nella mia vita - qui ed ora?

Come è il mio deserto? Pericoli o paure da parte mia?

Privazione di pane o di amore?

Rischio di stress e mancanza di tempo?

La fame per il riconoscimento e la sete di verità?


 

La preghiera come il frutto della meditazione:


"Signore della vita, da pane e carne, acqua e coraggio!"

Mi fermo in silenzio e ascolto la tua parola.

Brividi di paura e di ansia su di me - Signore, dammi luce per trovare la strada giusta.

Non mandarmi corvi e cornacchie, mandami il tuo Spirito.


 

Uscita graduale dalla meditazione:
 

Venga il tuo regno – com’è fatto? Mostrami i tuoi diritti e i tuoi precetti.

Sia fatta la tua volontà - mi hai creato di tua volontà e secondo la tua immagine.

Sia santificato il tuo nome, o Signore - e mi porti fuori dal deserto a casa, al posto vero della mia vita.